Durante la crisi del 2008 Amsterdam decise di investire pesantemente sul turismo. A distanza di 10 anni la città ha registrato il 61% in più di arrivi e deve fare i conti con i troppi inconvenienti del turismo di massa. Dopo Venezia e Barcellona, anche Amsterdam si scaglia contro gli effetti negati del turismo di massa e prende misure per contenerlo. In un articolo pubblicato da The Guardian emerge la mancanza di una visione sana del futuro della città: le strutture per i cittadini stanno scomparendo e nei quartieri vivono solo turisti interessati a divertirsi.

continua a leggere su The Guardian